Ticket di licenziamento: nuova misura per il 2019

01 Febbraio 2019

La circ. Inps 25 gennaio 2019, n. 5, ha stabilito che la retribuzione di riferimento per calcolare la NASpI è pari a 1.221,44 euro (l’importo massimo mensile è pari a 1.328,76 euro).
L’art. 2, co. 31, della legge 28 giugno 2012, n. 92, dispone che, in tutte le ipotesi di interruzione di un rapporto a tempo indeterminato, per le causali che, a prescindere dal requisito contributivo, darebbero diritto alla NASpI, è dovuta, a carico del datore, una somma pari al 41% del massimale mensile di NASpI per ogni 12 mesi di anzianità negli ultimi 3 anni. Il contributo è dovuto anche, per esempio, in presenza delle dimissioni per giusta causa.
In concreto, come si calcola il contributo NASpI?
Per l’anno 2019, la retribuzione di riferimento (cd. “massimale mensile”) è pari a 1.221,44; il 41% di 1.221,44 euro è pari a 500,79 euro, che rappresenta la misura del ticket per 1 anno intero di servizio (12 mesi). Poiché il contributo va calcolato in relazione a “ogni 12 mesi di anzianità negli ultimi 3 anni”, il suo valore – se il rapporto è durato 36 mesi o più – si ottiene moltiplicando 500,79 euro per 3, ed è quindi pari a  = 1.502,37 euro. Il contributo mensile (per le frazioni di anno) è pari a 500,79 : 12 (A.B.).